Translate

martedì 29 novembre 2011

Novena all'Immacolata (dal 29 Novembre al 7 dicembre)


  
Novena all'Immacolata

(dal 29 Novembre al 7 dicembre)


1° Giorno:
INVOCAZIONE DI AIUTO A MARIA

O Vergine Immacolata, primo e soave frutto di salvezza, noi ti ammiriamo e con Te celebriamo le grandezze del Signore che ha fatto in Te mirabili prodigi.
Guardando Te, noi possiamo capire ed apprezzare l'opera sublime della Redenzione e possiamo vedere nel loro risultato esemplare le ricchezze infinite che Cristo, con il Suo Sangue, ci ha donato.
Aiutaci, o Maria, ad essere, come Te, salvatori insieme con Gesù di tutti i nostri fratelli. Aiutaci a portare agli altri il dono ricevuto, ad essere "segni" di Cristo sulle strade di questo nostro mondo assetato di verità e di gloria, bisognoso di redenzione e di salvezza. Amen.
3 Ave Maria


 2° GIORNO:
TI SALUTO, O MARIA.

Ti saluto, O Maria, tutta pura, tutta irreprensibile e degna di lode.
Tu sei la corredentrice, la rugiada del mio arido cuore, la serena luce della mia mente confusa, la riparatrice di tutti i miei mali.
Compatisci, o purissima, l'infermità dell'anima mia.
Tu puoi ogni cosa perché sei la Madre di Dio; a Te nulla si nega, perché sei la Regina. Non disprezzare la mia preghiera e il mio pianto, non deludere la mia attesa. Piega il Figlio tuo in mio favore e, finchè durerà questa vita, difendimi, proteggimi, custodiscimi.

 3 Ave Maria



3° GIORNO:

OTIENIMI UN CUORE FEDELE.

Santa Maria, Madre di Dio, conservami un cuore di fanciullo, puro e limpido come acqua di sorgente. Ottienimi un cuore semplice che non si ripieghi ad assaporare le proprie tristezze: un cuore magnanimo nel donarsi, facile alla compassione; un cuore fedele e generoso, che non dimentichi alcun bene e non serbi rancore di alcun male.
Formami un cuore dolce e umile che ami senza esigere di essere riamato; un cuore grande e indomabile così che nessuna ingratitudine lo possa chiudere e nessuna indifferenza lo possa stancare; un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo, ferito dal suo grande amore con una piaga che non rimargini se non in Cielo.


3 Ave Maria


4° GIORNO:AIUTACI, O MADRE.

Regina nostra, inclita Madre di Dio, ti preghiamo: fa' che i nostri cuori siano ricolmi di grazia e risplendano di sapienza. Rendili forti con la tua forza e ricchi di virtù. Su noi effondi il dono della misericordia, perché otteniamo il perdono dei nostri peccati. Aiutaci a vivere così da meritare la gloria e la beatitudine del Cielo.
Questo ci conceda Gesù Cristo, tuo Figlio, che ti ha esaltata al di sopra degli Angeli, ti ha incoronata Regina, e ti ha fatto assidere in eterno sul fulgido trono. A Lui onore e gloria nei secoli. Amen. S. Antonio di Padova

3 Ave Maria

5° GIORNO:
SALVACI, O MARIA!

O Vergine, bella come la luna, delizia del Cielo, nel cui volto guardano i beati e si specchiano gli Angeli, fa' che noi, tuoi figli, ti assomigliamo, e che le nostre anime ricevano un raggio della tua bellezza che non tramonta con gli anni, ma che rifulge nell'eternità.
O Maria, Sole del Cielo, risveglia la vita dovunque è la morte e rischiara gli spiriti dove sono le tenebre. Rispecchiandoti nel volto dei tuoi figli, concedi a noi un riflesso del tuo lume e del tuo fervore.
Salvaci, o Maria, bella come la luna, fulgida come il sole, forte come un esercito schierato, sorretto non dall'odio, ma dalla fiamma dell'amore. Amen.


3 Ave Maria

6° GIORNO:

TU, O MARIA.

Ave Maria! Piena di grazia, più Santa dei Santi, più elevata dei cieli, più gloriosa degli Angeli, più venerabile di ogni creatura. Ave, celeste Paradiso! Tutto fragranza, giglio che olezza soave, rosa profumata che si schiude alla salute dei mortali.
Ave, tempio immacolato di Dio costruito santamente, adorno di divina magnificenza, aperto a tutti, oasi di mistiche delizie.
Ave purissima! Vergine Madre!
Degna di lode e di venerazione, fonte d'acque zampillanti, tesoro d'innocenza, splendore di santità. Tu, o Maria, guidaci al porto della pace e della salvezza, a gloria di cristo che vive in eterno con il Padre e con lo Spirito Santo. Amen.
San Germano

3 Ave Maria


7° GIORNO:

RICORDATI DEI TUOI FIGLI.


O Vergine Maria, Madre della Chiesa, a Te raccomandiamo la Chiesa tutta. Tu che sei chiamata "aiuto dei Pastori", proteggi e assisti i vescovi nella loro missione apostolica, e quanti, sacerdoti e religiosi, laici, li aiutano nella loro ardua fatica.
Ricordati di tutti i tuoi figli; avvalora presso Dio le loro preghiere; conserva salda la loro fede; fortifica la loro speranza; aumenta la carità.
Ricordati di coloro che versano nelle tribolazioni, nelle necessità, nei pericoli; ricordati di coloro soprattutto che soffrono persecuzioni e si trovano in carcere per la fede. A costoro, o Vergine, concedi la forza e affretta il sospirato giorno della giusta libertà.

3 Ave Maria


8° GIORNO:O PADRE MISERICORDIOSO

O Padre di misericordia, datore di ogni bene, noi ti ringraziamo perché dalla nostra stirpe umana hai eletto la beata Vergine Maria ad essere Madre del Figlio tuo fatto Uomo. Ti ringraziamo perché l'hai preservata da ogni peccato, l'hai riempita di ogni dono di grazia, l'hai congiunta all'opera di redenzione del tuo Figlio e l'hai assunta in anima e corpo al Cielo.
Ti preghiamo, per sua intercessione, di poter realizzare la nostra vocazione cristiana, di crescere ogni giorno nel tuo amore e di venire con Lei a godere per sempre nel tuo regno beato. Amen,

3 Ave Maria

9° GIORNO:

CHINATI SU DI NOI.


Ascolta, o prediletta da Dio, l'ardente grido che ogni cuore fede innalza verso di Te. Chinati sulle nostre piaghe doloranti. Muta le menti dei malvagi, asciuga le lacrime degli afflitti e degli oppressi, custodisci il fiore della purezza nei giovani, proteggi la Chiesa santa, fa' che gli uomini tutti sentano il fascino della cristiana bontà…
Accogli, o Madre dolcissima, le nostre umili suppliche e ottienici soprattutto che possiamo un giorno ripetere dinanzi al tuo trono l'inno che si leva oggi sulla terra intorno ai tuoi altari: tutta bella sei, o Maria! Tu gloria, Tu letizia, Tu onore del nostro popolo. Amen.

3 Ave Maria

 

lunedì 28 novembre 2011

LA MEDAGLIA MIRACOLOSA

A Parigi, al numero civico 140 di Rue Du Bac, c'è un Santuario, nel quale si trova la Cappella della Medaglia miracolosa: non è molto distante dal Louvre ed è comodamente raggiungibile mediante la metropolitana che ha una delle sue fermate proprio a Rue Du Bac.  
La Cappella della Medaglia miracolosa attira ogni anno un milione di pellegrini, persone di ogni razza e colore, che vengono qui, nel cuore di Parigi, a cercare una risposta ai loro problemi esistenziali, a chiedere Grazie alla Madre che tutto sa e comprende e con cui ci si può sfogare come soltanto con una madre è possibile fare, nel più assoluto silenzio, in un clima di grande fervore e raccoglimento.
È il mistero di Rue du Bac, un mistero che nasce 174 anni fa, dalle apparizioni della S. Vergine a una giovane novizia delle Figlie della Carità di S. Vincenzo de'Paoli, Caterina Labourè, a cui la Madonna affidò la realizzazione di una medaglia cosiddetta "miracolosa" che, da quasi due secoli ormai, ha conquistato con le sue innumerevoli Grazie e prodigi il mondo intero. 
La stessa Caterina Labourè, così racconta la storia delle apparizioni: «Venuta la festa di San Vincenzo (19 luglio 1830) la buona Madre Marta (direttrice delle novizie) ci fece alla vigilia un'istruzione sulla devozione dovuta ai Santi e specialmente sulla devozione alla Madonna. Questo mi accese un gran desiderio di vedere la Santissima Vergine, che andai a letto col pensiero di vedere in quella stessa notte la mia buona Madre Celeste: era tanto tempo che desideravo vederla. Essendoci stato distribuito un pezzettino di tela di una cotta di San Vincenzo, ne tagliai una metà e l'inghiottii. Cosi mi addormentai col pensiero che San Vincenzo mi avrebbe ottenuto la Grazia di vedere la Madonna.  
Alle undici e mezzo mi sento chiamare per nome: "Suor Labouré! Suor Labouré".
Svegliatami, guardo dalla parte donde veniva la voce, che era dal lato del passaggio del letto, tiro la cortina e vedo un Fanciullo vestito di bianco, dai quattro ai cinque anni, il quale mi dice: "Vieni in cappella; la Madonna ti aspetta".  
Il Fanciullo mi condusse nel presbiterio, dove io mi posi in ginocchio, mentre il Fanciullino rimase tutto il tempo in piedi. Parendomi il tempo troppo lungo, ogni tanto guardavo per timore che le suore vegliatrici passassero dalla tribuna. Finalmente giunse il sospirato momento. Il Fanciullino mi avverti, dicendomi: "Ecco la Madonna, eccola!". Sentii un rumore come il fruscio di vesti di seta venire dalla parte della tribuna, presso il quadro di San Giuseppe, e vidi la Santissima Vergine che venne a posarsi sui gradini dell'altare dal lato del Vangelo.  
Dire ciò che provai in quel momento e ciò che succedeva in me, mi sarebbe impossibile… Io, guardando la Santissima Vergine, spiccai allora un salto verso di Lei, ed inginocchiandomi sui gradini dell'altare, appoggiai le mani sulle ginocchia di Maria... 
Fu quello il momento più dolce della mia vita… "Figlia mia -mi disse la Madonna- Dio vuole affidarti una missione. Avrai molto da soffrire, ma soffrirai volentieri, pensando che si tratta della gloria di Dio. Avrai la Grazia; dì tutto quanto in te succede, con semplicità e confidenza. Vedrai certe cose, sarai ispirata nelle vostre orazioni, rendine conto a chi é incaricato dell'anima tua...".  
Quanto tempo restassi con la Madonna, non saprei dire: tutto quello che so è che, dopo di avermi lungamente parlato, se ne andò scomparendo come ombra che svanisce, dirigendosi verso la tribuna, per quella parte da cui era venuta. Tornata a letto, sentii suonare le due e non ripresi più il sonno".
Il 27 Novembre dello stesso anno, alle 17,30, Caterina ha una nuova visione durante la meditazione in cappella: vede come due quadri animati che le passano davanti in dissolvenza incrociata. Nel primo, la Santa Vergine è in piedi su una semisfera (il globo terrestre) e tiene tra le mani un piccolo globo dorato. I piedi di Maria schiacciano un serpente. Nel secondo, dalle sue mani aperte escono raggi di uno splendore abbagliante. Nello stesso tempo Caterina ode una voce, che dice: "Questi raggi sono il simbolo delle Grazie che Maria ottiene per gli uomini".  
Poi un ovale si forma attorno all'apparizione e Caterina vede scriversi in un semicerchio questa invocazione, prima sconosciuta, in lettere d'oro:
"O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te".
Subito dopo l'ovale della medaglia si gira e Caterina ne vede il rovescio: in alto una Croce sormonta la M di Maria, in basso due Cuori, l'uno incoronato di spine, l'altro trapassato da una spada.
Caterina ode allora queste parole:
"Fai coniare una medaglia, secondo questo modello.
Coloro che la porteranno con Fede riceveranno grandi Grazie".
Caterina riferisce al suo confessore, il Padre Aladel, la richiesta fatta dalla Madonna circa la medaglia, ma il sacerdote reagisce negativamente ed intima alla novizia di non pensare più a queste cose.
Qualche mese più tardi, pronunciati i voti, Caterina Labourè viene inviata al ricovero di Enghien per curare gli anziani. La giovane suora si mette al lavoro, ma una voce interiore l'assilla continuamente: "Si deve far coniare la medaglia".
Caterina ne riparla al suo confessore. Intanto nel febbraio del 1832 scoppia a Parigi una terribile epidemia di colera, che provocherà più di 20.000 morti. In giugno le Figlie della Carità cominciano a distribuire le prime 2.000 medaglie, fatte coniare da Padre Aladel.
Le guarigioni si moltiplicano, come le protezioni prodigiose e le conversioni spirituali. Il popolo di Parigi comincia a chiamare la medaglia "miracolosa".
Nell'autunno 1834 c'erano già più di 500.000 medaglie.
 Un anno dopo soltanto ne circolavano più di un milione.
 Nel 1839 la medaglia veniva diffusa in più di dieci milioni di esemplari, e alla morte di suor Caterina, nel 1876, si contavano più di un miliardo di medaglie!». 
"Questi raggi che vedi sono le Grazie che io spando sulle persone che me lo domandano".
LA SUPPLICA ALLA VERGINE DELLA MEDAGLIA MIRACOLOSA

O Vergine Immacolata, noi sappiamo che sempre ed ovunque sei disposta ad esaudire le preghiere dei tuoi figli esuli in questa valle di lacrime, ma sappiamo pure che vi sono giorni in cui ti compiaci di spargere più abbondantemente i tesori delle tue Grazie. 
Ebbene, o Madre, eccoci qui prostrati davanti a Te, proprio in quello stesso giorno benedetto, da te prescelto per la manifestazione della tua Medaglia.  
Noi veniamo a Te, ripieni di immensa gratitudine ed illimitata fiducia, in questo giorno a Te così caro, per ringraziarti del gran dono che ci hai fatto dandoci la tua immagine, affinché fosse per noi attestato d'affetto e pegno di protezione. 
 Noi ti promettiamo che: la santa Medaglia sarà il segno della tua presenza presso di noi, sarà il nostro libro su cui impareremo a conoscere, seguendo il tuo consiglio, quanto ci hai amato e ciò che noi dobbiamo fare, perché non siano inutili tanti sacrifici tuoi e del tuo divin Figlio.  
Sì, il tuo Cuore trafitto, rappresentato sulla Medaglia, poggerà sempre sul nostro cuore e lo farà palpitare all'unìsono col tuo, lo accenderà d'amore per Gesù e lo fortificherà, per portar ogni giorno la nostra croce dietro di Lui. 
O Maria concepita senza peccato 
prega per noi che ricorriamo a Te 
Questa è l'ora, o Maria, della tua bontà inesauribile, della tua misericordia trionfante, l'ora in cui facesti sgorgare per mezzo della tua Medaglia, quel torrente di Grazie e di prodigi che inondò la terra. Fa, o Madre, che quest'ora, che ricorda la dolce commozione del tuo Cuore, la quale ti spinse a portarci il rimedio di tanti mali, sia anche l'ora nostra: l'ora della nostra sincera conversione, e l'ora del pieno esaudimento dei nostri voti.
Tu, che hai promesso che grandi sarebbero state le Grazie per chi le avesse domandate con fiducia, volgi benigno il tuo sguardo su di noi. Confessiamo di non meritare le tue Grazie. Ma a chi ricorreremo, o Maria, se non a Te, che sei la Madre nostra, nelle cui mani Dio ha posto tutte le sue Grazie? Abbi, dunque, pietà di noi. Te lo domandiamo per la tua Immacolata Concezione e per l'amore che ti spinse a darci la tua preziosa Medaglia.
Ave, Maria  
O Maria concepita senza peccato
prega per noi che ricorriamo a Te 
O Consolatrice degli afflitti, che già ti inteneristi sulle nostre miserie, guarda ai mali da cui siamo oppressi. Fai che la tua Medaglia sparga su di noi e su tutti i nostri cari i suoi raggi benefici: guarisca i nostri ammalati, dia la pace alle nostre famiglie, ci scampi da ogni pericolo. Porti la tua Medaglia conforto a chi soffre, consolazione a chi piange, luce e forza a tutti.
Ma specialmente permetti, o Maria, che, in quest'ora solenne, ti domandiamo la conversione dei peccatori, particolarmente di quelli che sono più bisognosi della tua misericordia.

Ricordati che anch'essi sono tuoi figli, per i quali hai sofferto, pregato e pianto. Salva tutti i tuoi figli per poterti un giorno ringraziare e lodare eternamente in Cielo. Amen.
 

domenica 27 novembre 2011

VIENI, SIGNORE GESÙ


VIENI, SIGNORE GESÙ!

Ti aspettiamo, Signore Gesù!
Lasciati incontrare.
Non lasciarci vagare lontano da te,
perché le nostre strade
sono vuote e tristi senza di te.

Noi ci rimettiamo in viaggio verso di te
per praticare con gioia la giustizia.
Aiutaci a essere vigilanti
per sentire e riconoscere i tuoi passi,
e seguirti sui sentieri della pace e dell’amore.

Vieni, Signore Gesù!
Non lasciarci trovare addormentati.Senza di te diventeremmo come foglie secche.

Aiutaci a tenere gli occhi apertiper guardare la vita con i tuoi occhi.


(Tonino Lasconi)



Vegliare



E' necessario studiare da vicino la parola "vegliare"; bisogna studiarla
perché il suo significato non è così evidente come si potrebbe credere a
prima vista e perché la Scrittura la adopera con insistenza. Dobbiamo non
soltanto credere, ma vegliare; non soltanto amare, ma vegliare; non soltanto
obbedire, ma vegliare.
Vegliare perché?
Per questo grande evento: la venuta di Cristo.
Cos'è dunque vegliare?
Credo lo si possa spiegare così. Voi sapete cosa significa attendere un
amico, attendere che arrivi e vederlo tardare? Sapete cosa significa essere
in compagnia di gente che trovate sgradevole e desiderare che il tempo passi
e scocchi l'ora in cui potrete riprendere la vostra libertà? Sapete cosa
significa essere nell'ansia per una cosa che potrebbe accadere e non accade;
o di essere nell'attesa di qualche evento importante che vi fa battere il
cuore quando ve lo ricordano e al quale pensate fin dal momento in cui
aprite gli occhi?
Sapete cosa significa avere un amico lontano, attendere sue notizie e
domandarvi giorno dopo giorno cosa stia facendo in quel momento e se stia
bene?
Sapete cosa significa vivere per qualcuno che è vicino a voi a tal punto che
i vostri occhi seguono i suoi, che leggete nella sua anima, che vedete tutti
i mutamenti della sua fisionomia, che prevedete i suoi desideri, che
sorridete del suo sorriso e vi rattristate della sua tristezza, che siete
abbattuti quando egli è preoccupato e che vi rallegrate per i suoi successi?
Vegliare nell'attesa di Cristo è un sentimento di rassomiglianza a questo,
per quel tanto che i sentimenti di questo mondo sono in grado di raffigurare
quelli dell'altro mondo.
Veglia con Cristo chi non perde di vista il passato mentre sta guardando
all'avvenire, e completando ciò che il suo Salvatore gli ha acquistato, non
dimentica ciò che egli ha sofferto per lui.
Veglia con Cristo chi fa memoria e rinnova ancora nella sua persona la croce
e l'agonia di Cristo, e riveste con gioia questo mantello di afflizione che
il Cristo ha portato quaggiù e ha lasciato dietro a sé quando è salito al
cielo.

(John Henry Newman)

sabato 26 novembre 2011

Sia fatta la tua volontà


Signore,
tu sei il Padre della sapienza
e sei mio Padre.
Lasciami seguire ciecamente
i tuoi sentieri
senza cercare di capire:
tu mi guiderai anche nel buio
per portarmi fino a te.
Signore, sia fatta la tua volontà:
sono pronta!
Tu sei il Signore del tempo
e anche questo momento
ti appartiene.
Realizza in me ciò che nella
tua Sapienza hai già previsto.
Se mi chiami
all'offerta del silenzio,
aiutami a rispondere.
Fa' che chiuda gli occhi
su tutto ciò che sono perché
morta a me stessa
viva solo per te.

(Santa Teresa Benedetta della Croce)

Preghiera strampalata




Preghiera strampalata

Signore, tutti urlano!

Aiutami...

Ad abbassare il tono della mia voce.
A trovare il silenzio dentro e fuori di me.
Ad ascoltare le parole appena sussurrate.
A sentire il profumo di un fiore appena sbocciato.
A discernere il bene dal male.
Ad usare sempre parole buone.
A benedire e non a maledire.
A comprendere i sogni e i desideri nascosti nel cuore della gente.
Ad inginocchiarmi davanti al tuo Santissimo Corpo.
Ad essere un uomo dalle mani dure ma dal cuore buono.
A riconoscere sempre i miei errori.
A togliere l'orgoglio dalla mia vita.
A portare ogni giorno la mia croce.
A riconoscerti nel volto di ogni persona.
Ad amare mia moglie di un amore eterno e sempre nuovo.
Ad accettare che i miei figli non sono "cosa mia".
Ad essere in ogni luogo espressione della tua felicità.
Aiutami, Signore, a riconoscere sempre la tua voce.
Amen!


(Adolfo Rebecchini)

venerdì 25 novembre 2011

Messaggio, 25. novembre 2011



"Cari figli, oggi desidero darvi la speranza e la gioia.
Tutto ciò che è attorno a voi, figlioli,
vi guida verso le cose terrene ma Io desidero guidarvi verso il tempo di grazia
perchè in questo tempo siate sempre più vicini a mio Figlio
affinchè Lui possa guidarvi verso il suo amore
e verso la vita eterna alla quale ogni cuore anela.
 Voi, figlioli, pregate e questo tempo sia per voi
 il tempo di grazia per la vostra anima.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata."
                                                             

mercoledì 16 novembre 2011

Atto d' amore, una preghiera bellissima,ottenuta per intercessione di Maria e trasmessa alla mistica Justine Klotz di Baviera:


Gesù, Maria vi amo!

Salvate le anime dei sacerdoti,

salvate tutte le anime.

Vi preghiamo supplichevoli,

moltiplicate quest'atto d'amore

mille volte, ad ogni respiro,

ad ogni palpito.



Gesù ha promesso la salvezza di migliaia di anime,

ad ogni atto d'amore...

giovedì 3 novembre 2011

La storia del cerino

La storia del cerino

Un Cerino triste e rassegnato, si era messo in disparte su un lato della scatola e una Candela dispiaciuta, incominciò a parlargli:
"La conosci la storia del Cerino?", esclamò la Candela.
"No!", rispose il Cerino.
"Caro Cerino, non sai quanto sei importante!".
"Parli bene tu!", disse con voce rammaricata il Cerino. "Sei una Candela, ti accendesti tempo fa e la tua fiamma ancora brucia nel consumarti lentamente. Io sono un Cerino, mi accenderò per poi spegnermi rapidamente, in meno di un istante".
"Cerino c'è verità in quel che dici, ma credimi non conta quanto sia lunga un'esistenza, ma è importante la realizzazione della sua essenza".
Il Cerino ci rifletté su e poi aggiunse: "Tu credi che valga sempre e comunque la pena vivere? Seppur consapevole di nascere per poi morire, di accendersi per poi finire?".
"Ascolta prima la Storia, figlio mio!".

C'era un volta una Candela, accesa nel buio della notte, essa era una faro per tutti i viandanti del mondo, chiunque poteva scorgerla anche dai luoghi più remoti, quella luce calda e confortante li carezzava ed era davvero tanto ma tanto importante.
Una notte come tante, i viandanti ebbero però un amara sorpresa, la luce della Candela si spense. Del resto era un Candela non poteva durare in eterno, avrebbero dovuto prevederlo, ed invece nel restare completamente al buio, panico e sconforto avvolsero l'animo di ogni viandante.
Passarono alcuni istanti che parvero lunghi come secoli, ed improvvisamente qualcuno s'ingegnò, chi ricordò che in soffitta aveva conservata una vecchia candela, chi trovò una torcia, chi un lumino, e ci fu persino chi scoprì nella propria casa un camino, ma ahimè era tutto inutile senza un Cerino.
E fu così che nell'affanno di risolvere il danno, qualcuno in tasca trovò un Cerino.
La tristezza avvolse l'animo di quel poverino, conosceva bene la durata di un Cerino, ma la vita del mondo era in declino e allora lo usò per accendere un camino.
Da quel camino ogni candela trovò fiamma, ogni cero luce, ogni lume scintilla.
E nel giro di qualche secondo, scanditi come secoli dal mondo la luce si riaccese a tutto tondo, e grazie a quel Cerino il mondo venne salvato dal declino.

"Che storia incantevole Candela, e come si chiamava quel Cerino?".
"Ma come? Quel Cerino lo conosci anche tu, si chiamava Gesù!".
Il Cerino sorrise di una Luce interiore che lo fece accendere con tanto amore e quella sua breve esistenza la trascorse nel dare realizzazione alla sua essenza.

(Cleonice Parisi)

mercoledì 2 novembre 2011

Messaggio del 2 novembre 2011



Messaggio del 2 novembre 2011 (Mirjana)     

«Cari figli, il Padre non vi ha lasciato a voi stessi.
Il suo amore è immenso,
l’amore che mi conduce a voi per aiutarvi a conoscerlo,
affinché tutti, per mezzo di mio Figlio,
possiate chiamarlo “Padre” con tutto il cuore
e affinché possiate essere un popolo nella famiglia di Dio.
Ma, figli miei, non dimenticate
che non siete in questo mondo solo per voi stessi
e che io non vi chiamo qui solo per voi.
Coloro che seguono mio Figlio
pensano al fratello in Cristo come a loro stessi
e non conoscono l’egoismo.
Perciò io desidero che voi siate la luce di mio Figlio,
che voi illuminiate la via a tutti coloro che non hanno conosciuto il Padre
- a tutti coloro che vagano nella tenebra del peccato,
della disperazione, del dolore e della solitudine -
e che mostriate loro con la vostra vita l’amore di Dio.
Io sono con voi!
Se aprite i vostri cuori vi guiderò.
Vi invito di nuovo: pregate per i vostri pastori!
Vi ringrazio».

__,_._,___

PREGHIERE PER I DEFUNTI




Dal profondo a te grido, o Signore;
Signore ascolta la mia voce.
Siano i tuoi orecchi attenti
alla voce della mia preghiera.
se consideri le colpe, Signore,
Signore, chi potrà sussistere?
Ma presso di Te è il perdono:
e avremo il tuo timore.
Io spero nel Signore,
l'anima mia spera nella sua parola.
L'anima mia attende il Signore,
più che le sentinelle l'aurora.
Israele attenda il Signore,
perché presso il Signore è la misericordia
e grande presso di lui la redenzione
Egli redimerà Israele
da tutte le sue colpe.



PER I CARI
DEFUNTI

Per il mistero della
comunione dei
Santi noi possiamo
venire in aiuto
a quanti sono morti
nel Cristo. Ecco la
Preghiera più semplice e
tradizionale per i defunti.

L'eterno riposo dona loro [donagli / donale], o
Signore, e splenda ad essi [a lui / a lei] la luce perpetua.
Riposino [Riposi] in pace. Amen.




PER TUTTI I DEFUNTI

O Dio onnipotente ed eterno, Signore dei vivi e dei
morti, pieno di misericordia verso tutte le tue creature,
concedi il perdono e la pace a tutti i nostri fratelli
defunti, perché immersi nella tua beatitudine ti lodino
senza fine. Per Cristo nostro Signore. Amen.



SIGNORE DELLA VITA, tu che sei il vero amico
degli uomini, che ti sei commosso di fronte al pianto
della vedova di Naim e le hai resituito il figlio; tu che
hai pianto davanti alla morte del tuo amico Lazzaro
e l'hai restituito all'affetto delle sue sorelle; tu che
nella tua grande amicizia per noi, non hai esitato a
morire sulla croce per riscattarci dal nostro peccato
e dal nostro egoismo, fa che il ricordo di coloro che
ci hanno preceduto e vivono già nella tua casa nel
cielo, non sia per noi fonte di tristezza e di rassegnazione,
ma impegno a servire la vita dei nostri fratelli
che più soffrono e hanno bisogno.
Che il tuo Spirito di vita abiti nei nostri cuori e custodisca
le persone che ci sono state più care, adesso
e per tutti i secoli dei secoli.
Amen




Preghiera per una Buona Morte

Dio di bontà, Padre delle Misericordie e Dio di ogni consolazione,
tu vuoi che nessuno perisca di quelli che credono e sperano inTe:
abbi pietà di mé nella mia ultima ora.
La mia morte sia un passaggio da questo mondo Tè.

Padre che mi hai creato,

Figlio che mi hai redento,

Spirito Santo che mi hai santificato..

Concedimi o Trinità Santissima,
il riposo eterno nel Tuo infinito Amore.

Vergine Maria, Madre di Gesù e Madre mia,
Raccomandami a tuo Figlio Gesù nel momento della mia morte.

San Giuseppe, patrono dei morenti,
io mi affido alla tua protezione
Tu che sei morto dolcemente tra Gesù e Maria.
Assistimi  nell'ultima ora.
Amen.

Padre nostro, Ave Maria, L'eterno Riposo
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...