Translate

domenica 31 luglio 2011

Detti sapienziali sul SILENZIO




Detti sapienziali sul SILENZIO

Gesù è stato generato dall'Amore del Padre, nel silenzio eterno
.
Ed è nel silenzio che Egli si è incarnato in Maria Vergine,


 per opera dello Spirito Santo.


Egli è cresciuto assai lentamente,
piccolo piccolo, nel grembo della Vergine Madre, nel silenzio.

E' nato, nel silenzio della notte santa,
cullato dolcemente dal canto della ninna nanna e da quello degli Angeli.

E' cresciuto nel silenzio della casa di Nazareth.
Nella sua vita pubblica Gesù cercava sempre il silenzio dei monti e del deserto
per parlare con il Padre.

...E Maria meditava tutto, nel silenzio del suo Cuore di Mamma e di credente in Cristo.

Il silenzio è mitezza: quando non rispondi alle offese,
quando non reclami i tuoi diritti, quando lasci a Dio la difesa del tuo onore.

Il silenzio è misericordia: quando non riveli le colpe dei fratelli,
quando perdoni, quando non giudichi, non condanni,ma intercedi nell'intimo.

- Il silenzio è pazienza: quando soffri senza lamentarti, quando non cerchi consolazione
 dagli uomini, quando sai attendere che il seme germogli lentamente.


- Il silenzio è umiltà: quando taci per far emergere i fratelli,
quando celi nel riserbo i doni di Dio, quando lasci che il tuo agire sia interpretato male,
 quando lasci agli altri la gioia dell'impresa.


- Il silenzio è fede: quando taci perché è Lui che agisce,
quando rinunci ai suoni e alle voci del mondo per stare alla sua presenza di pace,
quando non cerchi comprensione perché ti basta essere conosciuto/a da Lui.


Il silenzio è adorazione: quando abbracci la croce senza chiedere: "perché?".

...Il silenzio è amore!..."Ma Gesù taceva (Mt 26,63).

"Poni, Signore, una custodia alla mia bocca, sorveglia la porta delle mie labbra (Salmo 140)".



San Benedetto dedica un intero capitolo della sua Regola,
invitanto i suoi monaci ad amare il silenzio.

Egli cita subito il salmo 38: "Ho detto:
veglierò sulla mia condotta per non peccare con la mia lingua;  


ho posto un freno alla mia bocca mentre l' empio mi stava dinanzi;
 sono rimasto in silenzio, mi sono umiliato, ho taciuto anche di cose buone".


E poi egli cita anche il libro dei Proverbi:

"Nel molto parlare non eviterai il peccato".
 E anche : "Morte e vita sono in potere della lingua".


E perciò nella sua Regola Egli raccomanda assai il silenzio ai suoi monaci

e vuole che si conceda raramente il permesso di parlare.

"IL SILENZIO E' NUTRIMENTO DELL' ANIMA!".
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...