Translate

mercoledì 24 aprile 2013

ll Diario di Santa Faustina Kowalska- I° Quaderno - Parte 1/7


 (Pubblicazione a puntate - Segue dal I° quaderno - Parte 1/6)



I° Quaderno - Parte 1/7
 
IL VOTO DI POVERTA’. Il voto di povertà è una rinuncia volontaria al diritto di proprietà od al suo uso, per amore del Signore. D. Quali oggetti riguarda il voto di povertà? R. Tutti i beni ed oggetti che appartengono alla Congregazione. Su ciò che abbiamo consegnato, cose o denaro, dopo la loro accettazione, non si ha più alcun diritto. Tutte le regalie od i doni che talvolta si possono ricevere a titolo di riconoscenza od altro, per diritto appartengono alla Congregazione. Ogni entrata per lavoro od anche le rendite, non possono essere usate senza violare il voto. D. Quando s'infrange o si viola il voto in ciò che riguarda il settimo comandamento? R. S'infrange quando, senza permesso, si prende per sé o per qualcun altro una cosa che appartiene alla casa. Quando senza permesso si trattiene presso di sé qualche cosa al fine di impossessarsene. Quando senza autorizzazione si vende o si cambia qualche cosa di proprietà della Congregazione. Quando una data cosa la si usa per uno scopo diverso da quello al quale l'aveva destinata il superiore. Quando in genere si dà qualche cosa o la si prende senza permesso. Quando per negligenza si rovina o si guasta qualche cosa. Quando trasferendosi da una casa ad un'altra si porta via qualche cosa senza permesso. Nei casi in cui s'infranga il voto di povertà, il religioso è tenuto egualmente alla restituzione nei confronti della Congregazione.

Distacco dagli affetti

Quando il Signore ha un disegno speciale su di un'anima, la distacca prima di tutto dall'ambiente nel quale essa vive. Non è infatti possibile seguire i divini disegni rimanendo inceppati negli affetti umani e nelle umane vedute. Le persone familiari che ci hanno visto nascere e che conoscono tutta la nostra vita, ci considerano sempre come fanciulli, e credendo assurdo un disegno di Dio in noi, vi si oppongono con tutte le loro forze. Noi stessi ci sentiamo sempre adolescenti nella casa che ci vide nascere, e stentiamo a credere al disegno che Dio ha sopra di noi. Il primo fondamento dunque di un'anima eletta dal Signore, è il distacco dal proprio ambiente, affinché essa senta la sua personalità, e si dia a Lui senza ostacoli e più liberamente. Non sempre Dio distacca le anime materialmente dal loro ambiente; il più delle volte le distacca spiritualmente, rendendole come estranee nella loro stessa casa. Egli permette le contraddizioni per costringerle al silenzio su tutto quello che Egli opera. Poiché le vie del Signore sono misteriose, e le può intendere solo chi ne ha familiarità, l'ambiente della propria casa diventa un ambiente di svalutazione di tutto quello che viene da Dio, perciò nessuno è Profeta nella sua patria.

(Padre Dolindo)


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...