Translate

martedì 23 giugno 2015

Salvatore Martinez si racconta a Soul

giovedì 18 giugno 2015

LAUDATO SI'



Laudato si' - La nuova enciclica di Papa Francesco !

foto di Avvenire.


Scarica gratis l'‪‎ Enciclica‬ ‪‎laudato si‬ di Papa‬ Francesco.

 Clicca sul link ---> http://buff.ly/1epUoLb

Ti ho cercato


Ti ho cercato

 
(Anselmo d'Aosta)
 
Ti ho cercato, o Signore della vita,
e tu mi hai fatto il dono di trovarti:
te io voglio amare, mio Dio.
Perde la vita, chi non ama te:
chi non vive per te, Signore,
è niente e vive per il nulla.
Accresci in me, ti prego,
il desiderio di conoscerti
e di amarti, Dio mio:
dammi, Signore, ciò che ti domando;
anche se tu mi dessi il mondo intero,
ma non mi donassi te stesso,
non saprei cosa farmene, Signore.
Dammi te stesso, Dio mio!
Ecco, ti amo, Signore:
aiutami ad amarti di più.

mercoledì 3 giugno 2015

"Non dialogare con la tentazione"


COLTIVARE L'ORRORE PER IL PECCATO

"Non dialogare con la tentazione"


Che ansia di riformare hanno molti! Non sarebbe meglio che ci riformassimo, tutti, singolarmente, per compiere fedelmente ciò che è comandato? (Solco, 132)




Dobbiamo alimentare nelle nostre anime un vero orrore per il peccato. Signore ripetilo con cuore contrito , non voglio offenderti mai più!

Ma non ti meravigliare se noti il peso del tuo povero corpo e delle umane passioni: sarebbe sciocco e ingenuamente puerile che ti accorgessi solo ora che «questo» esiste. La tua miseria non è di ostacolo, bensì di sprone per unirti di più a Dio, per cercarlo con costanza, perché è Lui che ci purifica.
(Solco, 134)

Non dialogare con la tentazione. Lascia che te lo ripeta: abbi il coraggio di fuggire; e la forza di non soppesare la tua debolezza, pensando fino a che punto potresti arrivare. Taglia, senza fare concessioni!
(Solco, 137)

Non hai scuse. La colpa è solamente tua. Se sai ti conosci quanto basta che, per questa strada con queste letture, con questa compagnia... , puoi finire nel precipizio, perché ti ostini a pensare che forse questa è una scorciatoia che facilita la tua formazione o fa maturare la tua personalità?

Cambia radicalmente progetto, anche se ti comporta maggior sforzo, meno svaghi a portata di mano. Ormai è ora che ti comporti da persona responsabile. (Solco, 138)  





Le tentazioni e le opere del Diavolo



Permesso di Dio

Niente, proprio niente succede casualmente nel mondo o nella vita di ciascuno di noi o, per meglio dire, senza il permesso di Dio. Lui sorveglia tutto: "Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà" (Lc 21, 18). Siccome ci ha dato la libertà, permette il male ma non lo desidera mai. Una volta lasciato che accada, cercherà di mutarlo in bene. Il Signore acconsente a Satana di insidiarci e di tormentarci, ma ci dà sempre tutte le grazie per poterglisi opporre. Nella Sacra Scrittura leggiamo: "Se vuoi, osserverai i comandamenti; l'essere fedele dipenderà dal tuo buonvolere" (Sir 15, 15). In questa maniera ci aiuta a cogliere per noi stessi la grazia, a fortificarci nell'umiltà, nella pazienza, nell'esercizio spirituale...

Nella vita di alcuni Dio permette l'opera del Maligno per ottenere la loro crescita spirituale. Distrugge lo scopo del Demonio per realizzare il proprio. Lo possiamo vedere in alcune persone carismatiche alle quali dà i doni (carismi) permettendo che capitino loro sventure e croci. Un uomo del nostro tempo, padre Pio, recentemente beatificato dal Santo Padre Giovanni Paolo II, sopportò dolori lancinanti portando le stigmate per cinquant'anni, come il nostro Signore Gesù Cristo. Ma a nessuno era mai venuto in mente di pregare perché gli fossero tolte. Si trattava di un'opera straordinaria di Dio che mirava a qualcosa di eccezionale. Ovviamente Satana non aveva alcun interesse che padre Pio portasse le stigmate (anche se può succedere che provochi fenomeni del genere per sedurre le anime con i falsi mistici).

L'esempio biblico di Giobbe ci fa vedere una persona sofferente, abbattuta da tantissime pene e sventure e infine dalla malattia. Qualche volta Dio acconsente il male per trasformarlo nel bene. Prove come queste non sono ancora mali in sé. Sopra le righe storte Dio scrive diritto. Se l'uomo confida in Lui, tutto il male gli sarà convertito in bene.

Radicarsi nel peccato

A scopo dimostrativo prendiamo il modello di Giuda dalla Scrittura che, sordo agli inviti di Cristo, continuava a radicarsi nel peccato e finì col suicidarsi.

Vediamo quell'incancrenirsi nel male come le perversioni sessuali oggi in aumento, la violenza, l'alcool, gli stupefacenti, l'odio, la bestemmia, gli aborti, l'infedeltà coniugale che provoca il divorzio e di conseguenza le sofferenze dei tanti coinvolti.

Sofferenze causate dai malefici

In questo caso l'individuo non ha nessuna colpa. Commette il misfatto chi fa un maleficio o ordina che venga fatto. Questo campo scivoloso dove nascono gli inganni richiede cautela per i possibili imbrogli, perversioni, suggestioni. Esistono dei modi per fare del male ad una persona tramite l'azione del Demonio con diversi riti, come la cosiddetta legatura, il malocchio, la maledizione... Il fatto che ci siano ecclesiastici che non credono nei malefici è inconcepibile. Come potranno allora combattere per i loro fedeli colpiti da mali di questo tipo?

Alcuni si domandano perché Dio permette che succedano cose del genere. L'uomo usa la sua libertà per il bene quanto per il male. Può aiutare e altrettanto far del male agli altri, spesso in maniera ingiusta e violenta. È persino in grado di pagare un assassino per uccidere qualcuno. Ugualmente, può corrompere un fattucchiere o un mago per combinare il maleficio ad una persona. Il Signore nel suo infinito amore desidera salvare ogni sua creatura. Nella sua bontà sollecita ognuno ad amare, perdonare e gioire per la felicità degli altri. Ma il Maligno non riposa mai. Insidia la mente umana con idee di superiorità, pensieri di vendetta e d'odio. E che cosa avviene? Accade che l'uomo che ha smesso di pregare, non vivendo più la sua intimità con Dio, non essendo in grazia, solo, abbandonato a se stesso, non ha più la forza di affrontare il Demonio. Il Male lo vince ed egli comincia a fare ciò che il Signore non vuole. Dio invece cerca di convertirlo.

Dobbiamo sapere che in tutto Dio rispetta le decisioni dell'uomo. L'ha creato libero e gli lascia fino all'ultimo la sua libertà. Desidera che i suoi figli tornino liberamente al Creatore.
In quel senso possiamo dire che Dio acconsente il male ma non abbandona l'uomo senza il suo aiuto, dandogli la forza di combattere il Diavolo.

Fra Benigno e la "Charlie Charlie Challenge"



No al satanismo! - "Charlie Charlie Challenge" :PROPAGANDA GLOBALE ALLO SPIRITISMO ,PRESENTATO COME INNOCUO GIOCHINO.




"Charlie Charlie Challenge" :PROPAGANDA GLOBALE ALLO SPIRITISMO ,PRESENTATO COME INNOCUO GIOCHINO-GENITORI ,STATE ATTENTI AI VOSTRI FIGLI : NON SI PUO' 'GIOCARE' SENZA DANNI CON L'OCCULTISMO E CON I DEMONI

Si chiama "Charlie Charlie challenge" (La sfida del Charlie Charlie) ,è diventata la nuova moda tra i giovani di tutto il mondo, un fenomeno di seduta spiritica globale, che da qualche giorno si sta espandendo, ora dopo ora, attraverso i social media,è l'evocazione del demone Charlie :UNA PSICOSI DI MASSA,che sta causando la preoccupazione di molti genitori, dato che molti bambini e adolescenti curiosi che vi hanno partecipato finiscono per stare male,avere disturbi nel sonno ,attacchi di ansia o nel peggiore dei casi essere vessati o ossessionati da demoni, come è stato testimoniato da alcuni genitori che hanno riscontrato segni di profonde graffiature ,venute dal nulla,sul corpo dei loro figli e un numero infinito di eventi inquietanti ,anche nelle case e nelle scuole dove i bambini ,di 8 o 9 anni,si sono messi ad evocare il demone Charlie,perchè lo hanno visto fare nei video di youtube...


LA STAMPA DIFFONDE IL VELENO ,ne parla come si trattasse di un simpatico passatempo, contribuendo così all'indottrinamento di massa dei giovani allo spiritismo...


NOTIZIE COME QUESTE SONO GHIOTTE PER I MEDIA,A CUI NON INTERESSA LA VERA SALUTE PSICOFISICA DEI RAGAZZI E PENSANO SOLO ALLA PROPRIA PUBBLICITA' ...


Questo falso 'gioco' presume che 'lo spirito' risponda alle domande sul futuro ,facendo muovere da sole due matite posizionate su un quaderno su cui sono state scritte le parole 'si' e 'no',cioè le risposte....All'origine del fenomeno Charlie c'è il "Juego de las lapiceras" (lett. "Gioco delle penne ") già diffuso in Sud America e conosciuto come la tavola Ouija dei poveri.
Lo scopo del "gioco delle penne " è lo stesso della tavola Ouija e delle sedute spiritiche dei medium (la pretesa illusoria di conoscere il futuro ottenendo risposte dall'aldilà) ed il rito è esattamente uguale, ma questa volta lo spirito evocato ha un nome proprio (Charlie) la cui provenienza, al momento, è misteriosa.


SOLO SCHERZI E SUGGESTIONE ? Nonostante qualcuno parli di forza di gravità, di movimenti dovuti al vento o di persone suggestionate , il fenomeno non sembra avere spiegazioni naturali: nella maggioranza dei casi ,le penne o matite si spostano all'evocazione del demone ,niente trucchi, niente vento, niente magneti sotto il tavolo, niente fili trasparenti nè effetti ottici; inoltre data l'enorme quantità di video amatoriali pubblicati da diverse parti del mondo è difficile pensare a un lavoro di editing digitale di alta qualità.
Il fenomeno di Charlie non è creato dalla capacità tecnologica di chi ha pubblicato il video ma l'unica spiegazione plausibile rimanda ad una vera e propria seduta spiritica con l'intervento di una entità spirituale, presente ma invisibile. E' preoccupante l'ossessione che si sta creando nei più giovani ,che presi dalla 'gara' e dal 'gioco' ,ne vengono assuefatti e condizionati...
In ogni caso,che uno creda o no all'esistenza dei demoni ,giocare con l'occultismo e lo spiritismo è deleterio per la psiche ,degenera sempre in dipendenza patologica ....e devastazione spirituale.
Fonte http://catolicosalvatualma.blogspot.it/2015/05/alerta-juego-satanico-charlie-charlie.html

IL MONITO DEI SACERDOTI ESORCISTI E DEGLI PSICHIATRI
La diffusione del rito spiritista tra i giovani americani è allarmante: dal 24 maggio 2015 ,in 48 ore, l'hashtag (parola chiave di Twitter) charliecharliechallenge è stata utilizzata da più di due milioni di persone. E' questa diffusione massiva che ha spinto il sacerdote Stephen McCarthy, cappellano del liceo cattolico SS. Neumann and Goretti Catholic High School in Filadelfia, a scrivere una LETTERA PER METTERE IN GUARDIA I SUOI ALUNNI da questo gioco "affatto innocente":
"Sono venuto a sapere che circola un gioco molto pericoloso nei social media che incoraggia apertamente i giovani più sensibili a evocare demoni.Vorrei ricordare a tutti voi che non esiste modo di 'giocare innocentemente coi demoni'.
Per favore abbiate cura di NON parteciparvi e di incoraggiare gli altri ad evitare di parteciparvi.
Capisco quanto possa tentare la curiosità, ma il problema di aprirsi all'attività dei demoni è che si sta aprendo una finestra di sul mondo dell'occultismo che non sarà facile da chiudere.
Se vorrete 'sperimentare' qualcosa convocando enti spirituali, posso raccomandarvi la Messa o il Rosario! Penso che, a lungo andare, troverete queste alternative più sicure e molto più gratificanti.
Grazie in anticipo per la vostra cooperazione su questa questione così importante.
Che Dio ci benedica e ci protegga con l'aiuto del nostro angelo custode!"

Più volte nei suoi numerosi libri e interviste, il sacerdote esorcista italiano Padre Gabriele Amorth ha messo seriamente in guardia i suoi lettori sulla serietà e pericolosità dei rituali di spiritismo, "una pratica in forte espansione". Infatti, al contrario di quello che si potrebbe pensare, sono molti quelli che, mossi dalla semplice curiosità o dalla volontà di conoscere eventi passati o futuri, cercano il modo di evocare le anime dei defunti tramite medium o sedute spiritiche. Secondo Padre Amorth questo fenomeno è direttamente proporzionale alla crisi di fede e i rischi che si corrono sono di duplice natura;
oltre ai rischi di natura umana come i traumi psicologici (ansia, stress, apprensione, iper sensibilità alle realtà spirituali...)
si corrono dei grossi rischi di natura spirituale dovuti all'intervento del demonio: dai "disturbi malefici" alla vera e propria "possessione diabolica".
Più volte Amorth ha denunciato la mancanza di una adeguata formazione in materia, anche da parte di sacerdoti e vescovi che hanno la responsabilità di istruire giovani sui pericoli di queste pratiche spiritiche invitandoli a considerare la serietà di questi fenomeni e, dunque, a non scherzare col fuoco!

Il noto esorcista spagnolo Jose Antonio Fortea ha avvertito i genitori che 'la sfida di Charlie' non è un gioco innocuo, perché comporta la pratica occulta di "invocare spiriti" e perché "alcuni di quelli che giocano saranno tormentati da spiriti."
Alcune persone hanno già testimoniato eventi drammatici ,dopo la partecipazione all'evocazione di 'Charlie' ,avvertendo che il gioco può causare "gravi disturbi psichiatrici o tendenza all'autolesionismo e al suicidio".

Padre Fortea afferma che coloro che praticano questo 'apparente gioco' di spiritismo ,possono incorrere anche nell'infestazione del luogo ,"perchè lo spirito evocato può rimanere nella casa. "
Egli ha anche avvertito che la pratica occulta dello spiritismo ,anche se fatta per scherzo, "può rendere le persone coinvolte in una vera e propria dipendenza dallo spirito,in una comunicazione sempre più lunga e più frequente. E quelle persone possono subire conseguenze ancora peggiori dai demoni ,come la vessazione e possessione".

Come ha ricordato lo psichiatra Valter Cascioli, portavoce ufficiale dell’Associazione Internazionale Esorcisti, le pratiche di occultismo "aprono la strada all’attività demoniaca straordinaria.
Certamente, il numero delle persone che si rivolgono a queste pratiche con gravi danni sociali, psicologici, spirituali e morali, è in costante aumento e questo ci preoccupa perché, di rimando, abbiamo anche un aumento dell’attività demoniaca straordinaria, in modo particolare vessazioni, ossessioni e soprattutto possessioni diaboliche.

I pericoli, continua lo psichiatra sono spesso sottovalutati:
"Infatti occorre una maggiore vigilanza. Del resto, viviamo in un momento storico particolarmente critico, dove la fretta, la superficialità, l’individualismo esasperato, la secolarizzazione, sembrano quasi dominare la nostra società. La lotta contro il male e il maligno sta diventando sempre di più un’emergenza.
Questo chiaramente è dovuto, oltre che all’azione diretta del nemico di Dio, all’affievolirsi della fede, all’anomia, cioè alla mancanza di valori, e al relativismo culturale ormai dilagante.
Per altri versi, assistiamo al continuo proliferare di messaggi mediatici, libri, programmi televisivi, programmi cinematografici, che in qualche modo sulla scia del sensazionalismo e dello spettacolare incentivano, soprattutto le nuove generazioni, ad occuparsi dell’occultismo, del satanismo, e talvolta a praticarlo....
Sappiamo che colui che divide - il diavolo - non soltanto ci separa da Dio, ma separa le persone, le famiglie; separa inoltre anche dalla realtà, perché a volte abbiamo delle situazioni di alienazione, anche mentale, che sono secondarie all’attività demoniaca straordinaria".
Fonte http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/messaggio-papa-francesco-associazione-internazionale-esorcisti.aspx

IPOTESI CHARLIE EBDO nella ' Charlie Charlie Challenge'-
Esclusa l'improbabile ipotesi che 'Charlie' sia un demone messicano : María Elena Navez corrispondente messicana della BBC ha smentito categoricamente il legame tra il Charlie e la mitologia messicana :il presunto demone,qualora fosse di origine messicana, si sarebbe chiamato con nomi aztechi o maya ,oppure col nome spagnolo Carlitos . L'origine del nome Charlie resta un mistero ancora non risolto oppure non svelato.
Certo, è perlomeno curioso che ritorni il nome che qualche mese fa era sulla bocca di tutti dopo gli attentati parigini del 7 gennaio 2015 alla sede del giornale satirico Charlie Hebdo.
La strage, costata la vita a dodici persone, ha ottenuto una risonanza mondiale senza paragoni anche grazie ai social networks che hanno aiutato alla diffusione del motto "Je suis Charlie" come gesto di solidarietà con le vittime dell'attentato; anche l'immagine della matita, simbolo della 'libertà di espressione' dei disegnatori satirici, (che ridicolizzavano tutte le religioni ,anche Gesù Cristo: l'insulto è istigazione all'odio ,non è mai libera espressione) è stata presa come icona di una campagna globale.
Ora è inquietante pensare il fatto che è proprio attraverso delle matite che uno spirito chiamato Charlie si manifesti in una ' catena globale' ....MA NON C'E' DA FARE SATIRA CON UN NOME CHE RICORDA UNA RECENTE TERRIBILE STRAGE E SOPRATTUTTO NON C'E' DA SCHERZARE CON LO SPIRITISMO E CON TUTTE LE FORME DI MAGIA E OCCULTISMO.

-Chris-
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...