Translate

domenica 26 dicembre 2010

Ho fatto visita a Gesù appena nato




Vengo da te in punta di piedi
Piccolino mio, ho paura di svegliarti.
È ancora notte fonda,

sono appena andati via i pastori.
La tua mamma è adagiata,
tanto stanca per il lungo viaggio
che quasi dorme e sorridendo
mi dice di farmi più vicino.

Mi chino sulla povera mangiatoia
e resto incantata a guardarti.

Giuseppe ha rimediato un po di legna,
ha acceso un fuoco li fuori
e porta dentro delle braci ardenti
per darti un po di caldo.

In un lato ci sono anche animali
che con il fiato mandano calore.

Maria ti ha avvolto nel suo mantello
e tu stai bene e ben coperto.

Vorrei farti una carezza ma non oso. 
M'incanto ad ammirarati, sei tanto bello!!
Il più bello dei figli degl'uomini.
Ti muovi un poco e ti svegli.

Apri gli occhi, mi guardi a lungo
e con lo sguardo fisso, poi mi sorridi.
Tendi le braccine verso di me,
vuoi essere preso in braccio.
Maria acconsente con un cenno.. .....io ti sollevo!.
Tengo Dio-Figlio in braccio,
tenero e delicato un piccolino appena nato.
Ti tengo dolcemente, tremo d'amore
e ho quasi paura di farti cadere.
Tu accosti a me la tua testina e ti accoccoli
poi tra mento e petto,
usi la mia gola come un nidino.... amore!

Vorrei tenerti così per sempre.
Tenerti così e non lasciarti mai.
Mi basterà una eternità per darti tutto il mio amore?

Autrice:
Graziella Raneri




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...