Translate

domenica 17 febbraio 2013

LA VIRTU’ DELLA FEDE

Preghiera

 

La fede cristiana consiste in un’affermazione prodigiosa: DIO HA OLTREPASSATO LA SOGLIA DEL CREATO DIVENENDO UNO DI NOI.

Nessun uomo avrebbe potuto mai immaginare un evento così grandioso, quello che Dio si sarebbe fatto conoscere in se stesso, così come Egli è.

Quante volte ciascuno di noi ha pensato, specialmente di fronte alla incredulità del mondo o ogni qual volta siamo stati scossi nella nostra vita da eventi ingiusti e che hanno minato la nostra serenità: SE DIO SI FACESSE VEDERE..MI RISPONDESSE..SE INTERVENISSE….

Il massimo di ciò che Dio può rivelare è l’INFINITO, cioè se stesso ed è questo che Dio ha fatto “personalmente” per mezzo di Gesù Cristo che è la Parola fatta carne.[1]Dio nessuno l’ha mai visto, proprio il Figlio Unigenito che è nel seno del Padre, Lui lo ha rivelato[2].

  1. LA FEDE E’ DONO

Dio si dona non si vende. E queso dono, grandioso per ogni uomo, è la GRAZIA che ci è stata donata nel Battesimo; la risposta che Gesù dà a Nicodemo è emblematica:”Se uno non rinasce dall’alto non può vedere il Regno di Dio[3]. La fede è quindi Grazia che Dio concede nel Battesimo che diventa la “Chiave” per accedere a Dio e riceverlo in se stessi. Il Battesimo dato ai bambini è amministrato nella fede della Chiesa e della famiglia che lo chiede; il bambino viene assimilato a Cristo e entra nella grande famiglia umana che è la Chiesa e può chiamare Dio col nome di “Abbà” (papà) come dice San Paolo[4]. Gesù riassume tutta la vita del cristiano nell’atto di fede: “Questa è la vita eterna: che conoscano Te, l’Unico Vero Dio e Colui che hai mandato, Gesù Cristo[5]. Ogni uomo e cristiano deve abbandonare l’illusione che si possa arrivare alla fede col semplice ragionamento. L’uomo può con il lume della ragione arrivare ad affermare che Dio esiste ma ciò che Egli è solo dono della Rivelazione e non frutto della mente umana.

  1. LA FEDE E’ RISPOSTA

La fede donata nel Battesimo deve progredire con l’accoglienza e la risposta da parte dell’uomo, quindi essa diventa risposta a Dio che parla, è obbedienza alla fede[6]. Obbedienza vuol dire porsi in ascolto e attuare ciò che viene chiesto. La Bibbia ci presenta molte persone chiamate da Dio che hanno saputo abbandonare tutto e mettersi al servizio del Creatore: Abramo, Mosè, Samuele, i profeti. Dio chiama Maria chiedendole di diventare Madre del Verbo. Gli Apostoli, dopo la Pentecoste, interpellano gli uomini annunciando che Cristo è il Signore.

  1. LA FEDE DEVE ESSERE OPERANTE

La fede è il supporto della carità e non ha valore senza di essa ma è morta:”Così anche la fede: se non ha le opere, è morta in se stessa[7]. La maturità di fede si comprende se il cristiano raggiunge il “TU” di Dio attraverso il “TU” del fratello e se riesce a contemplare nel fratello il volto del Cristo sofferente e morente. E’ Gesù stesso che ci invita a fare questo, soltanto in questo modo potremo entrare nella visione beatifica del Dio Uno e Trino e contemplarlo per l’eternità. [8] Da questo si deduce che il dono della fede ricevuto col Battesimo ha bisogno di terreno fertile per dare frutto; Cristo, con la parabola del seminatore [9], vuole che ognuno si confronti con il terreno di cui parla nella parabola, cercando di essere sempre quello fertile per poter accogliere la sua Parola che è Parola di Vita.

  1. LA FEDE NELL’ANTICO TESTAMENTO

Il popolo eletto nasce da un atto di fede gradioso vissuto totalmente per tutta la esistenza; Abramo, Padre di ogni credente, ha fiducia totale in Colui che lo chiama a lasciare la sua terra, suo padre e i suoi affeti, per una nuova avventura pur essendo avanti con gli anni e, questo SI si prolunga fino al punto da non risparmiargli l’unico figlio Isacco come vittima sacrificale[10]. Nel corso dei secoli la fede del popolo vacilla continuamente, ma Dio, che è Padre Buono e misericordioso è sempre pronto a perdonare e a salvare il Suo popolo dalla schiavitù egiziana e babilonese. Essenzialmente nell’Antico Testamento la fede è nel Dio che salva.

  1. LA FEDE NEL NUOVO TESTAMENTO

Nel N. Testamento la fede è principalmente adesione a Cristo e alla Sua Parola. Nei Vangeli sinottici molti miracoli sono compiuti per premiare o esaltare la virtù della fede[11]. La fede serve per la remissione dei peccati[12]; a volte la mancanza di fede rende impossibile il miracolo[13]. Nel Vangelo di Giovanni la fede è “vincolo di unione intima tra il credente e Cristo”[14]. Sia il Padre che il Figlio, inviato del Padre, sono oggetto di un medesimo atto di fede. Nei Vangeli si nota il carattere pratico della fede che è impegnativa per tutto l’uomo. Credere significa principalmente fare la volontà di Dio, convertirsi e vivere secondo i dettami del Vangelo. In San Paolo “credere” è quasi sinonimo di professare il Cristianesimo, essa è unita alle altre virtù teologali (speranza e carità) ed è adesione alle verità rivelate e annunziate dai ministri di Dio. Fede è arrendersi a Dio trasformando la propria vita.

  1. LA FEDE NEL MONDO MODERNO

La fede è sempre la stessa perché Cristo è sempre lo stesso[15]; ci può essere solo una nuova intelligenza delle verità che restano immutate. Con il Concilio Ecumenico Vaticano II ( 1962-1965) molti hanno pensato e si sono illusi che la Chiesa “potesse e dovesse” rinnegare alcune verità “scomode” per tanti uomini o aggiornarle senza aver compreso che ciò non è possibile perché sarebbe voler mutare Dio che è presente di Eternità. Paolo VI, in uno degli ultimi suoi discorsi prima di ritornare alla casa del Padre, citando San Paolo, ringraziava Dio per aver difeso e conservato la fede[16] e Giovanni Paolo I nell’udienza generale del 13 settembre 1978 diceva: “Quando il povero Papa, quando i vescovi, i sacerdoti propongono la dottrina, non fanno altro che aiutare Cristo. Non è una dottrina nostra, è quella di Cristo; dobbiamo solo custodirla, e presentarla. Io ero presente quando Papa Giovanni ha aperto il Concilio l'11 ottobre 1962. Ad un certo punto ha detto: Speriamo che con il Concilio la Chiesa faccia un balzo avanti. Tutti lo abbiamo sperato; però balzo avanti, su quale strada? Lo ha detto subito: sulle verità certe ed immutabili. Non ha neppur sognato Papa Giovanni che fossero le verità a camminare, ad andare avanti, e poi, un po' alla volta, a cambiare. Le verità sono quelle; noi dobbiamo camminare sulla strada di queste verità, capendo sempre di più, aggiornandoci, proponendole in una forma adatta ai nuovi tempi”[17]. Credere non è mai stato facile, perché implica sempre una rinuncia alla propria mentalità per accettare quella di Dio, che è infinatamente superiore e diversa dalla nostra. Credere significa confrontarsi con una realtà che ci trascende e che invita ognuno di noi a trascenderci. In questi ultimi decenni si notano due atteggiamenti umani:

A. La fede, per molti essere umani, sembra quasi inutile in un’epoca tecnologica e progredita come quella odierna. L’uomo si sente padrone di tutto e si illude di possedere il dominio sulle cose, per conseguenza rinuncia a credere nel Suo Creatore e a tutto ciò che Egli dice, visto che l’uomo moderno si sente autosufficiente e sicuro di poter risolvere da solo tutto ciò che è irrisolvibile e ciò che sembra impossibile da risolvere si rimanda all’uomo del domani, sicuri di riuscire col tempo a trovare risposte a tutte le domande dell’uomo, specialmente a quelle che anelano a trovare la risposta per l’immortalità.

B. D’altra parte l’uomo si sente tormentato dal bisogno di credere, perché tutte le sue realizzazioni ottenute col progresso hanno messo a nudo la povertà e la precarietà dell’essere umano che non riesce a trovare risposte soddisfacenti a rispondere al dramma della sofferenza e della morte. I giovani che avevano creduto nel mito di un benessere senza fine che li aveva portati ad illudersi, facendoli credere appagati per essere riusciti ad esaudire i loro desideri, hanno perso il senso stesso della vita, e da qui derivano i tanti drammi giovanili come il suicidio, la ricerca di un paradiso artificiale come quello della droga e, come spesso siamo costretti a leggere sui quotidiani nel fine settimana, i tanti incidenti stradali che vedono coinvolti quasi sempre dei ragazzi che fanno dell’alcool e della corsa sfrenata i loro idoli. Proprio l’autosufficienza dell’uomo sembra essere nemico della fede che si è rivelata come un boomerang contro l’uomo stesso e da qui il risveglio religioso in tanti giovani anche grazie a figure carismatiche come Giovanni Paolo II.

Che dire al termine di queste breve riflessioni sulla virtù della fede: spetta a noi cristiani ridare al mondo quella fede di cui tutti abbiamo bisogno, come Gesù stesso ci invita a fare chiamandoci “sale e luce del mondo”[18]. Il grande teologo e Vescovo napoletano Mons. Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti e Vasto dice: “ Secondo una suggestiva medievale “credere” significa “COR DARE”, dare il cuore, rimetterlo incondizionatamente nelle mani di un Altro….”[19]e ancora, ricordando un grande filosofo S. Kierkegaard dice che lo stesso sosteneva che “Credere significa stare sull’orlo dell’abisso oscuro, e udire una Voce che grida: Gettati, ti prenderò tra le mie braccia!”[20].

L’esempio da cui ognuno di noi dovrebbe attingere per comprendere cosa voglia dire credere è la Vergine Maria, la prima credente e la prima redenta. Basta ricordare la prima beatitudine del Vangelo che troviamo in Luca, è Elisabetta che esalta la fede di Maria proclamandola Beata perché ha creduto alle parole del Signore[21]; la fede è la nota più caratteristica di Maria che l’ha portata a “dare totalmente il suo Cuore al Suo Signore” e potremmo dire tutta la sua vita tanto che Ella è stata pronta ad accogliere il Verbo fatto carne dentro di Lei. Cristo infatti è il frutto della fede eroica di Maria.

Anche noi possiamo essere “eroi” e “beati” se accogliamo la Parola di Dio in noi stessi cioè, se sappiamo pronunciare sempre e in ogni circostanza il nostro SI incondizionato a Cristo che viene nella nostra vita senza chiedere di vedere e essere nel numero di coloro che il Risorto definisce: “Beati quelli che senza aver visto crederanno in me”.[22]

clip_image002

PROFESSORE SALVATORE CELENTANO

La virtù della fede del PERUGINO


[1] Cfr. Gv. 1,1-14

[2] Gv. 1,18

[3] Gv. 3,1-18

[4] Cfr. Rom. 8,15-16

[5] Gv. 17,3

[6] Cfr. Rom. 1,5

[7] Gc. 3,17

[8] Cfr. Mt. 25

[9] Cfr. Mc. 4,1-9

[10] Cfr. Gen. 12; 22

[11] Cfr. Mc. 5,34-36; Mt. 8,13; Lc. 17,19

[12] Cfr. Mc. 2,5

[13] Cfr. Mt. 17,19

[14] Cfr. Gv. 6,56

[15] Cfr. Eb. 13,8

[16] Cfr. Paolo VI, Omelia nella Solennità di San Pietro e Paolo, 29/06/1978

[17] Giovanni Paolo I, udienza generale di mercoledì 13/09/1978

[18] Cfr. Mt. 5,13-16

[19] Bruno Forte, Piccola introduzione alla fede, Jesus Società San Paolo 1992 pag.18

[20] ibi

[21] Cfr. Lc. 1,45

[22] Gv. 20,29

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...