Translate

venerdì 29 novembre 2013

Ho trovato il mio ideale



"Ho trovato il mio ideale. So dove voglio, dove posso, dove devo arrivare. 
Prima io camminavo senza conoscere lo scopo, e le difficoltà della strada mi affaticavano e mi scoraggiavano: ora so e nulla più mi fermerà. Non avrò più riposo finché non avrò trovato Dio nel profondo del mio cuore. “Trovai l’amato del mio cuore. Lo strinsi fortemente e non lo lascerò…” (Cant. 3,4).
L’amore mi darà le ali: “Forte come la morte è l’amore” (Cant. 8,6). Non temerò più le difficoltà perché: “Tutto posso in Colui che mi dà la forza” (Fil. 4,13).
Se lancio uno sguardo sulla vita passata e se cerco di essere sincero con me stesso, devo confessare che la mia vita spirituale è stata priva d’ideale e che questo è stato il motivo profondo dei pochi progressi fatti.
Io non avevo capito come Nostro Signore desidera le anime e le cerca: le anime che si danno a Lui affinché Lui stesso si possa dare alle anime. Il grado d’intimità al quale Egli ci invita, sarà raggiunto nella misura in cui risponderemo generosamente alla grazia.
Egli non vuole porre limiti al suo amore e cerca solo di darsi interamente. Ha sete di possedere completamente le anime.
Ma le anime hanno paura di Lui a causa delle conseguenze di quest’intimità, che esige da parte dell’uomo dei grandi sacrifici.
D’ora in poi, sarò franco con me stesso.
So dunque, da un lato, che Dio vuole invadere il mio essere interamente e definitivamente, che Egli mi ha predestinato a diventare conforme all’immagine di Gesù. Vuole che io divenga suo figlio adottivo.
Ma so anche, d’altro canto, che Egli non si ferma davanti alla mia indegnità.
E chi si potrebbe credere degno di un tale favore? “Se diciamo che non abbiamo peccato, facciamo di Lui un bugiardo, e la sua parola non è in noi”. (1 Gv 1,10).
E c’è di più: Dio non solo ci cerca ''nonostante'' la nostra indegnità, ma è proprio ''a causa'' della nostra indegnità che Egli vuole gloriarsi di noi.
Più la materia è povera e più l’artista ne riceve gloria se riesce a farne un capolavoro. È questa verità che Nostro Signore ci ha fatto comprendere nel suo Vangelo, nelle parabole del figliol prodigo e della pecorella smarrita.
C’è più allegrezza in cielo per un solo peccatore convertito che per la perseveranza di una folla di giusti.
Se dunque io sono deciso a seguire ora quest’ideale, sono obbligato, in tutte le mie azioni, a confessare, da un lato che io non sono nulla e che nulla posso da me stesso; e dall’altro che Dio è tutto, che Egli può tutto e vuol far tutto per me, affinché io Gli faccia dono totale del mio essere"


Dom Jean Baptiste Porion
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...