Translate

mercoledì 2 maggio 2012

2 MAGGIO - LO SPIRITO SANTO SCENDERÀ SU DI TE...

«Quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo». Mt. 1,20
Maria è colei che lo Spirito Santo ha inondato della sua Grazia, la prima cristiana, la prima carismatica: con Lei la liberalità dello Spirito è davvero splendida! Lo Spirito Divino, che ha compiuto meraviglie in tutta la storia della salvezza, nella pienezza dei tempi, ha operato in Maria la concezione verginale dell'Uomo Nuovo, Cristo Gesù; per questo la Vergine è giustamente chiamata Sposa di Dio e Tempio dello Spirito Santo.La fede di Maria, che accetta liberamente l'offerta della Maternità Divina, è un'azione tutta privilegiata dello Spirito. La sua collaborazione libera e attiva, è nutrita e permeata dallo Spirito, che le dona la Grazia di donarsi completamente a Dio. Non appena ella pronuncia il sì a Dio, l'Atteso delle Genti, ad opera dello Spirito San-to, è concepito nel suo seno e riceve da Lei il Corpo e il Sangue umani, che un giorno saranno immolati sulla croce: da quell'istante comincia la storia della nostra Redenzione.
I Padri chiamano lo Spirito Santo «l'iniziatore del Corpo e del Sangue di Cristo». È nel momento dell'Annunciazione che Maria diventa il punto di giuntura tra la terra e il Cielo.
Lo Spirito Santo è l'Amore di Dio che viene a noi nella sua suprema manifestazione, inviato dal Padre e dal Figlio; Maria è l'umile ancella ch'Egli innalza fino all'incon-tro con Dio.
Nel momento d'incontro di questa doppia tenerezza di Dio verso la Vergine e della Vergine verso il suo Creatore, nasce la Nuova Alleanza nel cuore stesso del Mistero dell'Incarnazione.
Se Cristo è l'Uomo Nuovo, Maria è la creatura nuova plasmata dallo Spirito. A lei, prima che a tutti i redenti, si devono applicare le parole dell'Apostolo, che così tratteggia la fisionomia dei figli di Dio redenti dal Sangue di Cristo: «Scelti prima della creazione del mondo per trovarci al suo cospetto santi ed immacolati».
Non essendo la Divina Maternità limitata alla sola generazione fisica, ne consegue che la profonda associazione tra Maria e lo Spirito, porti ad una stretta cooperazione di Maria col Cristo per la salvezza del mondo. L'azione dello Spirito in lei continua perciò con la sua potenza misteriosa a guidarla per tutta la vita, alimentando, sotto il suo impulso, la sua fede viva, che va così crescendo e perfezionandosi fino alla prova suprema sotto la croce e fino alla pienezza della visione di Dio. Quest'azione si amplifica nel
Cenacolo, dove anche Maria è presente con i discepoli; anche lei comincia a parlare lingue nuove, è alla loro testa nella lode al Signore e diviene la profetessa di Dio per una sempre più intima unione al Cristo. Ella viene da allora ad avere un ruolo unico
nella Comunione dei Santi ed unisce tutti i redenti intorno al trono dell'Agnello.
L'azione dello Spirito e quella di Maria, da Lui derivata ed a Lui subordinata, tendono ad un unico scopo: rivelare e dare Cristo all'umanità e così glorificare il Padre. Non pochi teologi ammaestrano che la figura di Maria è così eccelsa che non ci si può accostare a Lei senza la grazia e l'illuminazione dello Spirito e che noi dalla luce di Maria siamo guidati alla conoscenza ed all'amore dello Spirito. Ecco perché la pietà mariana rivivrà in noi se sarà fortemente legata allo Spirito Paraclito. Venerando, lodando e invocando quella creatura meravigliosa che è Maria, riconosciamo ed esaltiamo l'opera dello Spirito che l'ha innalzata a così sublime altezza.

O Vergine immacolata, hai accolto l'ineffabile parola dell'Angelo e il tuo grembo, pie-no della luce dello Spirito Santo, ha meritato di portare il Verbo di Dio fatto uomo: rendici docili al medesimo Spirito per comunicare al mondo le ricchezze del Sangue del nostro Salvatore.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...